Venerdì 18 Maggio ore 18, presso l'Auditorium E. Morricone dell'Università degli studi di Roma "Tor Vergata"

 
andrà in scena l'evento Le Sacre du Printemps, organizzato dalla studentessa LM del corso di Musica e Spettacolo, Valeria Paraninfi, coordinatrice dell'iniziativa studentesca “L’eredità dell’effimero. Sintesi delle arti: dai Balletts Russes alla contemporaneità"con la sovrintendenza della Prof.ssa Donatella Gavrilovich.
 
In particolare il balletto "Le Sacre du Printemps" di Stravinskij, che sarà messo in scena da Valeria Paraninfi, è frutto della ricostruzione filologica della coreografia originaria di Vaslav Nijnsky (1913), operata dalla stessa nel suo esordio come coreografa d'Ateneo.
 
A presentare l'importanza de Le Sacre du Printemps, per la storia del balletto classico contemporaneo,Toni Candeloro, ètoile internazionale, coreografo, direttore artistico dell’Associazione "Michele Fokine" e uno dei maggiori collezionisti nel campo del balletto classico che ha contribuito alla realizzazione dell'evento offrendo in prestito i costumi, replica esatta di quelli utilizzati nel 1913.
 
 
 
Farà da cornice allo spettacolo la mostra Terra e Sangue, realizzata dal team di studenti del corso magistrale Arti dello Spettacolo tenuto dalla Prof.ssa Donatella Gavrilovich, incentrata sul tema della sintesi delle arti in ambito musicale e teatrale, su Sergej Djagilev e i Ballets Russes.
 
 
 
 
 
 
Di seguito la locandina dell'evento:
LOCANDINAVALERIAPARANINFI.jpg - 2.75 MB